Comune di Montelupone

Comune di Montelupone

 

Montelupone è un borgo collinare che dista 13 km da Macerata. Rientra tra I Borghi più belli d’Italia e vanta la Bandiera Arancione. Conserva le mura castellane, le quattro porte d’ingresso e l’ originale pavimentazione in pietra. Nel centro del borgo sorge il trecentesco Palazzetto del Podestà (o dei Priori) con la torre civica. Il loggiato a cinque archi è sovrastato da altrettante bifore ogivali poste nel salone principale del piano nobile, che custodisce un affresco devozionale del Cinquecento.  All’interno del piano nobile si trova la Pinacoteca Civica.  L’ ottocentesco palazzo Comunale custodisce il Teatro Storico Nicola Degli Angeli, in stile neoclassico con influenze palladiane. Palazzo Emiliani vanta un fregio del pittore Biagio Biagetti raffigurante le Quattro stagioni interpretate attraverso il ciclo vegetativo del grano. La Chiesa di S. Francesco vanta un coro ligneo settecentesco, quattro statue delle Virtù teologali realizzate in stucco nel 1752 e un organo del 1753. Sull’altare maggiore era collocata la splendida Madonna del latte di Antonio da Faenza (1525), ora ospitata all’interno della Chiesa Collegiata, che custodisce anche la Cappella Addolorata ridipinta da Cesare Peruzzi tra il 1934 e il 1941. La Madonna Immacolata del fiammingo Ernest Van Schayck (1631) è pervasa di accenti devoti sostenuti da un´attenta lettura dei modelli del classicismo bolognese. La Chiesa di S. Chiara, sede dell’antico convento delle Clarisse, fu edificata tra i secoli XV e XVIII. Vi si ammirano le porte intarsiate da Cristoforo Casari nel 1796, e la grande tela dell’Annunciazione della Vergine, copia del Barocci del XVIII secolo. A circa 4 km dal centro, si trova l’Abbazia benedettina di S. Firmano. Costruita nel IX secolo in stile romanico a tre navate, si presenta con la preziosa lunetta del portale in stile bizantino. All’interno, sotto l´alta scalinata, si trova l’incantevole cripta con le reliquie e la statua del Santo in terracotta policroma. Il prodotto simbolo della città è il carciofo, a cui è dedicata una sagra a maggio. Ottimo è anche il miele Millefiori. A marzo si svolge invece la festa del santo patrono San Firmano.